Aiuto e soccorso dove necessario

Ciò che lo spinge a dedicare una consistente parte del suo tempo libero all’aiuto, è innanzitutto un’innata sensibilità, una sorta di istinto, come lui stesso spiega, in base al quale “non si può avvertire la sofferenza altrui senza fare qualcosa a riguardo”.
Aiutare, dice Marco Chiancianesi, è la cosa più bella e spontanea che ci sia e il “saper ascoltare”, in tutte le sue accezioni, ne è parte integrante. Questa stessa sensibilità si può riflettere nel prendersi cura di un figlio, di un amico, di un collega, così come di un’intera popolazione, che sta vivendo un momento estremamente difficile.

A questo proposito, tra i progetti di cui Marco è maggiormente orgoglioso, c’è quello che lo ha portato ad Haiti, messa in ginocchio dal devastante terremoto del 2010. Marco organizza vari eventi, in Italia e in Europa, riuscendo a raccogliere una cifra importante, da devolvere agli abitanti. Insieme alla sua famiglia e ad alcuni amici, va sull’isola, per constatare, con i suoi occhi, la situazione e vedere come questi fondi verranno effettivamente utilizzati. Marco non si limita ad assistere. Mette a disposizione la sua professionalità per costruire un campo destinato agli orfani. Sono oltre cento i piccoli haitiani che lui e il suo gruppo riescono ad aiutare, grazie alla costruzione di un vero e proprio villaggio attrezzato con tende, servizi igienici, elettricità e cucine. Qui i bambini, nonostante il caos che regna sull’isola, possono trovare rifugio in assoluta sicurezza, riuscendo anche a studiare, grazie alla presenza di alcuni maestri.

“E’ difficile immaginare la luce che si è accesa nei loro occhi”, spiega Marco Chiancianesi“nel loro sguardo ho percepito un’intera vita fatta di rifiuti, di privazioni, di mancanza di cura. Tutto ad un tratto questa luce, nata dall’amore, dal riconoscimento, dal sentirsi, per una volta, importanti, si è accesa ed ero stato io a farlo. Avevo dato loro un nuovo punto di vista sull’umanità. Niente potrà mai superare quella sensazione.”

Dopo questo episodio alcuni di loro iniziano addirittura a chiamarlo “papà”.

Un pensiero su “Aiuto e soccorso dove necessario

  1. Mr WordPress

    Ciao, questo è un commento.
    Per cancellare un commento effettua la login e visualizza i commenti agli articoli. Lì troverai le opzioni per modificarli o cancellarli.

I commenti sono chiusi.